Fusillo Cilentano , il piatto principe delle nostre tavole.

Fusillo Cilentano


Il Fusillo Cilentano , U’ fusiddo.

Il Fusillo Cilentano è il piatto principe delle nostre tavole, Fusillo Cilentanoè tradizione prepararlo la domenica, nelle feste e nelle ricorrenze in genere. Spesso è legato a momenti di gioia e allegria, ma soprattutto al ricordo delle nostre nonne o delle nostre mamme che pazientemente preparano l’impasto, lo lasciano riposare e successivamente ne  ricavano delle lunghe striscioline o tocchetti che verranno “cavati” con il classico “ferro”, creando così una della paste fresche più tipiche del Cilento.

Preparazione

Fusillo di FelittoAlla base di questo piatto tipico ci sono pochi ed essenziali ingredienti: Acqua, farina, sale, olio extravergine d’oliva e uova, in alcune tradizioni le uova non vengono utilizzate. Ma il segreto del fusillo non è negli ingredienti ma nella sua preparazione, infatti,  lo strumento indispensabile è il “ferro”, un’asticella di ferro a sezione quadrangolare di circa 40cm a cui va fatta aderire una piccola strisciolina di pasta o tocchetto, successivamente, con energia, su una spianatoia di legno con ambedue le mani la pasta viene fatta arrotolare intorno al “ferro” fino a ricavarne un fusillo lungo e incavato.  

Il Ferro

Ferro per fusilliIl ferro utilizzato per la lavorazione è lo strumento essenziale per una buona riuscita del fusillo. Fino all’inizio del XX secolo il ferro era fornito dagli zingari nomadi che giravano per i paesi, e l’ottenevano spianando un ferro di cavallo consumato. In seguito, poiché gli zingari nomadi non giravano più, il ferro veniva ricavato dai ferri che sostenevano la cupola di stoffa degli ombrelli. Oggi il ferro viene forgiato e commercializzato in misure e dimensioni desiderate, è facile trovarlo presso ferramenta e mercerie.

Il Condimento

Fusilli al sugo di castratoIl condimento per eccellenza che accompagna il fusillo Cilentano è il ragù di castrato, ma può essere condito anche con altri tipi di sugo: ragù al Cinghiale, ragù con braciole di maiale o carne vaccina, ragù semplice ecc. La forma incavata del fusillo permette al condimento di aderire perfettamente  esaltandone il sapore. Il nostro consiglio è di provarlo con una generosa spolverata di formaggio caprino o ricotta stagionata, un pizzico di peperoncino e un buon bicchiere di vino nero locale.

Dove… 

Una Notte al Borgo

Il fusillo Cilentano è così diffuso nella cultura gastronomica del Cilento che è praticamente possibile mangiarlo dappertutto, molteplici sono le sagre a lui dedicate e gli agriturismi e ristoranti che includono questo piatto nel loro menù, ma è possibile anche acquistarlo presso piccoli pastifici artigianali sparsi su tutto il nostro territorio.

scoprite tutte le sagre nel Cilento che propongono il Fusillo Cilentano

Fusilli Famosi…

Il Fusilllo di Felitto.
Fusilli di FelittoA Felitto si prepara un particolare tipo di fusillo Cilentano, la differenza sostanziale sta nelle dimensioni dello stesso, infatti il fusillo Felittese è più lungo, circa 18-22cm e più fino perché si usa un ferro più sottile e meno sagomato e viene condito Fusillo Felittoprincipalmente con ragù di castrato. Il fusillo di Felitto oggi è alla base di una vera e propria economia locale, la produzione del fusillo negli anni si è tramutata da familiare ad artigianale concretizzandosi in una delle sagre più longevi del Cilento. Infatti come ogni anno dal 1976 tra il 13 e il 23 agosto si tiene la “Sagra del Fusillo Felittese”, giungendo quest’anno alla sua 41° edizione.
Per info potete contattare la Proloco di Felitto.

Il Fusillo di Gioi.
Fusilli di GioiIl fusillo Cilentano di Gioi, a differenza di quello di Felitto, si prepara con un ferro più grande e più
Fusillo Gioisagomato, le dimensioni son circa 10-15cm ed è per forma grosso modo il classico fusillo che si prepara in tutto il Cilento. Anche qui ogni anno viene organizzata una sagra per dare risalto a Sua Maestà il Fusillo.

Per info potete contattare la Pro Loco di Gioi.

Il Fusillo Cilentano tra storia e leggenda.

Fusillo CilentanoMolteplici sono le leggende e le storie sulle origini di questo piatto. A Felitto, per esempio, si narra che nel XVI secolo, durante un assedio della cittadina durante il quale gli abitanti resistevano da oltre 10 giorni, il comandante chiese alle donne di cucinare qualcosa con i prodotti che avevano a disposizione, cosicché le donne, prepararono, per la prima volta il “Fusillo di Felitto” con uova e farina. A Gioi invece le sue origini risalgono addirittura intorno all’anno 1000, quando gli abitanti mostravano l’impasto di farina e di uova conficcato sulla punta dei fucili dell’epoca attraverso i fori dei muri di cinta, per convincere i saraceni che assediavano la città che possedevano abbondanti derrate alimentari e, quindi, non avrebbero ceduto all’assedio. Ritraendo i fucili l’impasto si “affusolava” intorno al ferro; da qui si ebbe l’origine del fusiddu. C’è da precisare però che in quest’ultimo caso non poteva trattarsi di fucili, visto che il fucile, come lo intendiamo noi, fu inventato solo nel XIV secolo, se però vogliamo dare credibilità a questa leggenda, probabilmente gli abitanti di Gioi mostravano l’impasto al nemico su lunghi ferri o aste di legno che poi ritraendoli si affusolava diventando un fusillo. Al di là di storie e leggende, il fusillo Cilentano ha origini secolari, e la sua produzione viene ancora oggi tramandata da madre in figlia.  



NOTE: Le informazioni elencate in questa pagina sono state reperite da varie fonti, se individuate inesattezze, o volete semplicemente integrare le informazioni sul fusillo Cilentano  con commenti e foto contattateci via email a [email protected] o compilate il modulo QUI.

Leggi anche:

Precedente Mercatini di Natale nel Cilento, ecco dove e quando. Successivo Calendario eventi nel Cilento.